La Gestione Risorse Umane nell’era 4.0

  • 3 mesi fa
  • 0

Il termine risorse umane è tra i più freddi e spietati mai utilizzati nell’ambito business.

Il concetto di “risorsa” suggerisce una fonte, un serbatoio, un sacco pieno che vieneutilizzato, svuotato, sfruttato e, presto o tardi, esaurito per procedere al successivo.

La parola “umana” prova ad ammorbidire il concetto di risorsa, a renderlo più personale, più emotivo, ma lascia quasi intendere che ci siano altre tipologie di risorse (non umane, forse?) alle quali poter attingere in caso di necessità.

Io ho la piena responsabilità del settore risorse umane in Re/Max Arteka, ma la mia agenzia (lo so che dicono tutti così, ma credetemi) è differente! Il sistema Re/Max si fonda sulla cooperazione tra agenti e agenzia: per noi il numero fa davvero la forza. Più siamo e maggiori e più evoluti sono gli strumenti ai quali tutti gli agenti possono accedere. Ad esempio, nel 2022 la mia agenzia Arteka (e solo Arteka tra tutte le agenzie Re/Max) ha potuto acquistare un software di valutazione immobiliare basato su algoritmi complessi e parametri oggettivi, che restituiscono una quotazione di mercato accurata, aggiornata e imparziale. Questo grazie al lavoro, alla collaborazione e alla volontà di tutti i consulenti immobiliari Arteka che hanno ritenuto utile investire in questo strumento. La risorsa, in questo caso, la mette a disposizione l’agenzia! Arteka è anche una risorsa inesauribile di strumenti, conoscenza, formazione, supporto tecnico e spinta motivazionale.

Io invito tutti, sempre, a conoscere e sfruttare al massimo le risorse e le opportunità che, Re/Max come franchising e Arteka come agenzia, mettono a disposizione. Gli stessi veterani di Arteka sono una risorsa per i nuovi arrivati, una fonte di know-how e buone pratiche dal valore inestimabile. In Arteka, l’insieme è sempre più grande della somma delle sue singole parti.

Chi è la risorsa, quindi?

Di più, Arteka non solo è una risorsa, ma ha pure una dimensione “umana”. Cioè è a misura d’uomo (e di donna soprattutto). Il lavoro di consulente immobiliare Re/Max, infatti, permette a chiunque di conciliare serenamente le necessità personali e familiari con il lavoro, lasciando al singolo la scelta di gestire autonomamente il proprio tempo. Questo consente a chi ha figli, ad esempio, di svolgere un’attività lavorativa senza rinunciare alla famiglia.

Senza contare che è Arteka stessa ad essere una grande famiglia. Ciascuno porta in agenzia i propri bisogni e le necessità, il gruppo si arricchisce delle differenze caratteriali e vive di personalità eterogenee ed uniche, ma quello che importa è la voglia di fare gruppo e crescere insieme.

Basta mettere piede in agenzia per capire di cosa sto parlando.

Ad esempio, qualche settimana fa ho dato personalmente supporto ad una nuova arrivata nel risolvere alcuni problemi burocratici: doveva essere una questione veloce, ma la situazione si è complicata. Ho spostato qualche impegno, fatto qualche telefonata veloce, e alla fine sono rimasta con lei mezza giornata e siamo riuscite a risolvere tutto. La ragazza mi ha guardato quasi in imbarazzo e mi ha detto: “in tutte le mie esperienze lavorative, non mi avevano mai dedicato così tanta attenzione. Grazie Rossana.”

Cara mia, benvenuta in Arteka.

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confronta