Arteka è partecipazione

  • 11 mesi fa
  • 0

Qualche giorno fa ho incontrato le ragazze della pallanuoto Brizz Acireale, giovanissime atlete piene di gioia ed entusiasmo per la loro avventura in serie A.

Re/Max Arteka fa da sponsor a questa squadra, e di questo vado particolarmente orgogliosa. Non tanto perché siano tutte ragazze splendide e piene di passione e determinazione. Anche!, ma non è solo questo. Si tratta, principalmente, e non mi vergogno a dirlo, di una questione di orgoglio e appartenenza al mio territorio.

Partecipare ad un progetto sportivo della città nella quale cui vivo, lavoro e nella quale i miei figli crescono e muovono i loro passi, mi rassicura sul fatto che la mia azienda sta andando nella giusta direzione. E non parlo qui di fatturato o di fattori economici, mi riferisco piuttosto ad aggiungere valore in assoluto a ciò che facciamo ogni giorno in agenzia, condividendolo con la nostra comunità.

Nell’incontro con le ragazze della Brizz ho conosciuto una squadra e una società sportiva che sta vivendo il suo sogno, disputando il campionato nella massima serie della pallanuoto femminile. Rinnovo il nostro supporto e la vicinanza nei difficili playout che dovranno affrontare a breve e che decideranno le sorti della prossima stagione. Auguro a queste ragazze di non abbattersi mai e di prendere il meglio da ogni esperienza.

Io, per conto mio, mi sento arricchita dal nostro incontro e porto a casa alcune riflessioni:

1. Non si finisce mai di imparare… solo se hai voglia di crescere. Mi confronto quotidianamente con persone nuove, ho continuamente nuovi stimoli e sollecitazioni, ma imparare non è un processo automatico. Puoi apprendere da nuove esperienze, solo se sei predisposto a farlo. E non è banale. Serve un approccio positivo alla vita, altrimenti non vedrai mai le opportunità. Queste ragazze mi hanno ricordato che le nuove avventure, a prescindere dall’esito finale, sono sempre un terreno fertile per crescere e migliorare se stesse.

2. L’importanza di essere squadra. Alla base del concetto di squadra, molto caro ad Arteka, c’è il principio che il valore del gruppo è sempre maggiore della somma delle singole parti. Osservo queste giovanissime ragazze, determinate e grintose, con un grande equilibrio tra di loto, vivere questa esperienza in modo del tutto positivo. C’è sempre qualche talento che emerge sulle altre, ma serve da esempio a migliorarsi. Il team vince sempre.

3. La competizione. La competizione alza sempre il livello, ti mette davanti ad uno specchio e ti costringe a tirare fuori il meglio. Sono i momenti che fanno la differenza nella vita di ogni di noi e vanno sempre vissuti come opportunità per crescere e diventare migliori.

4. Nessuna azienda è un’isola. Qualsiasi azienda, dalla piccola bottega alla multinazionale più ricca del mondo, agisce e impatta su un territorio specifico e influisce direttamente e indirettamente sul suo ecosistema. Si tratta del principio del dare e avere, restituire parte del valore acquisito diventa un processo naturale. Arteka ha già un progetto ben avviato per il territorio di Acireale.

5. La fortuna. Nello sport, come nella vita o nel lavoro, un po’ di fortuna aiuta sempre. Lasciate perdere chi vi dice che la fortuna non c’entra. Che si tratti di una deviazione involontaria durante un tiro decisivo o una parola giusta al momento giusto durante una trattativa delicata, ci sono attimi che cambiano il corso degli eventi e su cui noi, semplicemente, non abbiamo nessun controllo.

L’importante è essere lì per giocarci la partita decisiva.

Re/Max Arteka fa parte di un network internazionale, ma che opera su un mercato local che più local non si può. Abbiamo a che fare costantemente con il territorio, viviamo le strade, le piazze e ogni singolo immobile che incontriamo sul nostro cammino. I nostri consulenti sono continuamente in movimento e fanno parte del tessuto sociale della città.

Arteka è parte integrante del suo territorio e partecipazione è il suo modo di fare impresa.

Forza Brizz Acireale!

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confronta