Lavoro: le 5 soft skill più richieste

  • 2 mesi fa
  • 0

In tutti i colloqui a cui quotidianamente assisto, mi rendo sempre più conto di quanto i candidati sottovalutino e sottostimino l’importanza di quelle competenze trasversali e attitudini personali che, ormai, vengono universalmente chiamate “soft skill”.

Eppure si tratta di un bagaglio di competenze cruciali per svolgere qualsiasi professione, in particolare modo il consulente immobiliare.

A differenza delle competenze tecniche specifiche (acquisite in corsi, master, specializzazioni, etc.), le soft skill sono delle peculiarità personali che dipendono quasi esclusivamente dalle naturali inclinazioni di ognuno; non esistono università dedicate o albi professionali cui iscriversi, tuttalpiù le soft skill si possono allenare e sviluppare.

Se vuoi intraprendere la professione di consulente immobiliare in Re/Max Arteka, le soft skill da sviluppare sono:

 Lavoro di squadra

Il lavoro in team è l’essenza di Re/Max Arteka. È determinante Impegnarsi e dare il meglio di sé, essere disponibili, leali, accettare le critiche ed essere collaborativi, sempre con un grande senso di responsabilità e una voglia di crescere insieme agli altri e non a loro discapito. La vittoria di uno è un progresso e una gioia per tutta l’agenzia.

Empatia

La capacità di comprendere al di là del linguaggio i sentimenti altrui, di riuscire a “mettersi nei panni di qualcun altro” è la forma più profonda ed efficace di comunicazione. Questa skill ti mette in sintonia con chi hai di fronte, collega o cliente che sia, consentendoti di capire realmente le esigenze e i bisogni, intuire malumore o entusiasmo, allinearti al pensiero e alle emozioni, comprendere realmente le richieste che ti vengono fatte.

Flessibilità

Nel 2022 non si può più essere rigidi. Il mondo si muove così velocemente che è folle pretendere di seguire una traiettoria senza fare qualche deviazione. In più, il cambiamento è spesso opportunità e non deve essere vissuto come un trauma. Adattabilità, disponibilità a modificare i programmi, ad accettare ed imparare cose nuove, sono le skill di questo millennio.

Proattività

Nella vita, come nel lavoro, è necessario porsi in una condizione di azione, non di passiva reazione. Aspettare che si verifichino tutte le condizioni ideali per decidersi ad agire significa perdere tutte le opportunità che nel frattempo ci ruotano attorno. Essere proattivi significa anche responsabilizzarsi e, perché no!, correre qualche rischio, ma raccogliere i frutti ripaga di ogni sforzo.

Gestione dello stress

Una qualità che, al giorno d’oggi, fa la differenza. Il nostro lavoro è complesso, veloce e pieno di imprevisti, generando un continuo senso di incertezza e di sfida. Saper gestire momenti di forte pressione è indispensabile per riuscire a rimanere lucidi e prendere sempre la decisione corretta.

Se pensi di avere queste competenze e hai voglia anche tu di metterti alla prova con Re/Max Arteka, contattami in privato.

Post Precedente

Pasqua vuol dire Rinascita

Post Successivo

Il talento non ha età

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confronta